Lampade abbronzanti: quello che dovresti sapere prima di farle

L’estate si sta avvicinando inesorabile e c’è chi, prima della prova costume, preferisce presentarsi in spiaggia con la pelle già abbronzata. Così le lampade solari sono sempre più diffuse, infatti, si trovano nei centri estetici, nelle palestre, nelle beauty-farm, persino negli alberghi e negli ipermercati.

Cosa sono le lampade abbronzanti?

Le lampade abbronzanti posso essere a Doccia Solare, Lettino Solare e Quadrifacciale. Questi tre tipi di lampade solari si dividono in lampade ad alta pressione e lampade a basse pressione.

AD ALTA PRESSIONE
Sono quelle con il filtro blu scuro davanti e comprendono lampade per il viso (quadrifacciale) e lettini. Hanno unapercentuale molto bassa di raggi UVB e molto alta di raggi UVA. I tempi di esposizione in genere vanno da 15 minuti per la quadrifacciale a 40 minuti per il lettino.

A BASSA PRESSIONE
Si tratta di lampade costituite da tubi fluorescenti, come dei neon, con cui sono realizzate docce e lettini. In questi tipi di lampade solari la percentuale di raggi UVB e’ piu’ alta e, per questo motivo, i tempi di esposizione sono più ridotti (6 o 12 minuti circa, a seconda del tipo di pelle).


Cosa sono i raggi UVA e UVB?

Le radiazioni solari sono costituite in particolare da raggi visibili, cioè la luce, e da raggi Uvb e infrarossi, gli stessi presenti nelle lampade abbronzanti.

Gli UVA sono i meno dannosi a livello di scottature, possono sempre causare ustioni ad alte dosi. Sono i principali responsabili dell’invecchiamento della pelle;

Anche gli UVB fanno la loro parte. Alte intensità di UVB sono dannose per gli occhi. Gli UVB danneggiano le fibre di collagene, e quindi accelerano l’invecchiamento della pelle con la prima forzazione di rughe. Gli UVA penetrano più in profondità nella pelle, rispetto agli UVB, e alterano le cellule che producono le fibre di collagene. Ormai è risaputo che i filtri (creme) solari proteggono bene contro i raggi UVB, ma poco contro i raggi UVA, i maggiori responsabili dell’invecchiamento solare. L’80% delle rughe è provocato dal sole.

Chi va a fare una seduta in un solarium dovrebbe chiedere e ricevere maggiori informazioni su questo argomento. Peccato che la maggior parte del personale di questi centri non abbia competenze specifiche ( la legge non le richiede) e così si limitano a darti risposte vaghe e imprecise.

Cosa dovresti sapere prima di fare una lampada abbronzante:

Verificare con il medico curante o con il dermatologo se la propria carnagione è adatta a questo tipo di esposizione: se ti abbronzi facilmente, hai molti nei o familiarità con i tumori della pelle, e di conseguenza tarare l’intensità e la durata della macchina in base a queste informazioni. QUASI NESSUNO LO FA.

Prendi medicinali? La pillola anticoncezionale, alcuni antinfiammatori, antidolorifici, antibiotici, anabolizzanti da palestra sono fotosensibilizzanti e potenziano l’azione dei raggi UV. Prima di fare una seduta in un solarium dovresti parlarne con il tuo medico curante.

Quante sedute posso fare in una settimana? La regola è non farne più di due alla settimana, ma lasciare anche un intervallo di almeno 2 giorni tra una lampada ed un’altra in modo da lasciare il tempo debito alla pelle per riparare i danni provocati dai raggi. Però in molti centri ti fanno fare anche 1 lampada al giorno tanto a loro non importa se tu stai male, l’unica cosa importante e fare soldi.

Devo coprire gli occhi? Gli occhialini vanno usati SEMPRE, per evitare che il cristallino diventi opaco. In molti centri estetici ti dicono che gli occhiali non sono indispensabili, in altri li devi richiedere esplicitamente tu, però alcuni te li danno automaticamente prima della seduta.

La lampada prepara al sole? Accelera l’abbronzatura? NO L’abbronzatura prodotta dai raggi UV non protegge da quelli solari. Il sole emette radiazioni differenti da quelle delle lampade. Sommando le due esposizioni si rischia un’overdose di raggi UV che facilita la formazione precoce delle rughe nei migliori dei casi.

Ma allora perchè rischiare tutte queste cose facendo una lampada abbronzante? Che importa se alla prova costume hai il tuo colore naturale?

Se proprio ami l’abbronzatura 365 giorni all’anno potresti provare gli autoabbronzanti che rappresentano la via più sana e indolore  per colorarsi la pelle. Oggi esistono svariati prodotti autoabbronzanti molto validi e addirittura cabine doccia che ti vaporizzano gli autoabbronzanti assicurando una nuance omogenea.

Puoi lasciare un commento o inserire un trackback nel tuo sito.

Nessun Commento a “Lampade abbronzanti: quello che dovresti sapere prima di farle”

Lascia un Commento

Additional comments powered by BackType

FashionLife su Facebook - Clicca su Mi Piace

Diventa anche tu fan di Fashionlife su Facebook. clicca su MI PIACE